Effettuare una buona traduzione in vista della nuova normativa GDPR

servizio-traduzione-legge-gdpr

Siete alla ricerca di un servizio di traduzione professionale per il vostro sito web personale o professionale in occasione del cambiamento avvenuto con la GDPR? Affidatevi solo ai professionisti per essere in regola!

Negli ultimi mesi si è parlato in maniera molto frequente dell’introduzione della novità legislativa del GDPR - ovvero la General Data Protection Regulation dei cittadini appartenenti all’Unione Europea: difatti, lo scorso 25 maggio 2018, è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, che obbliga le aziende ad adottare delle accortezze per quanto concerne la privacy. In ambito web, dunque, si può tranquillamente affermare che questo importante argomento non ha interessato solamente gli e-commerce, bensì pure tutti i portali (di informazione, svago, ricerca,…) che, in un modo o nell’altro, mantengono, salvano e/o elaborano – a prescindere dalle tempistiche - i dati di navigazione degli utenti.

Oltre a richiedere l’implementazione di tutta una serie di funzioni a tutela ovviamente della sicurezza delle informazioni e, ancora, a prevedere l’individuazione di un responsabile per il trattamento dei dati – il cosiddetto Data Protection Officer – la novità normativa nell’ambito della tutela dei dati personali prevede un approccio differente nel comunicare con i propri utenti tutti quegli aspetti che riguardano gli strumenti usati per monitorare l’interazione con il portale, nonché tutti quei processi che, in un modo o nell’altro, possano condurre all’acquisizione di dati tramite i quali sia possibile risalire alla persona.

A tal proposito, non possiamo fare a meno di sottolineare l’importanza rivestita dalla necessità di ottenere un consenso informato da parte delle persone, nonché la necessità di esplicitare in modo chiaro ed univoco quanto avvenga a livello di trattamento dei dati personali. Fondamentale, quindi, risulta essere la puntualità con la quale si vada a realizzare la pagina dedicata alle informazioni relative alla “Privacy e Policy”, giacché la stessa deve permettere all’utente di essere debitamente informato su tanti aspetti.

All’interno di questa pagina, difatti, sarà necessario elencare tutto ciò che gli utenti devono conoscere circa il mantenimento dei dati personali forniti da loro stessi al portale, ma anche quali sono i loro diritti in rapporto alla protezione degli stessi o, ancora, circa la possibilità di cancellare le informazioni o ottenerle. Considerando poi che molti portali non fanno riferimento solamente al pubblico italiano, sarà parimenti importante occuparsi accuratamente anche del pubblico internazionale, con una traduzione accurata di quanto riportato tra questi contenuti, tramite l’utilizzo di un gergo appropriato.

Per dare seguito a questi adempimenti inderogabili, quindi, non potete permettervi evidentemente di ricorrere all’uso di un semplice dizionario italiano-inglese - o di qualunque altra lingua straniera – bensì, sarà altrettanto importante conoscere la terminologia più corretta, così da non confondere l’utente o, peggio ancora, allontanarlo dallo stesso portale. Anche nell’ottica di uno sforzo per l’internazionalizzazione del proprio business, è fondamentale occuparsi della traduzione del proprio sito web e, di conseguenza, anche di questi documenti importanti per operare sempre nel rispetto delle normative.

D’altro canto, non si possono nemmeno tacere le conseguenze di un mancato adeguamento a quelle che sono le ultime novità introdotte dal GDPR: coloro i quali non dovessero rispettare i termini di legge, non fornendo un’adeguata protezione dei dati personali degli utenti, nonché tutte le informazioni richieste dalla normativa per la protezione dei dati personali degli utenti, rischieranno di incorrere in pesanti sanzioni amministrative, erogate dalle autorità competenti a livello nazionale, cui è demandata poi l’applicazione della normativa europea.

Le sanzioni pecuniarie previste partono infatti dai 3'000 euro, fino a giungere ai 18'000 euro in tutti quei casi in cui fosse omessa – o indicata in maniera non idonea – l’informativa sui dati personali che permettono di identificare gli individui. Ma non è ancora tutto, poiché la stessa sanzione può essere ulteriormente aggravata – con un supplemento di 5'000 euro – in casi particolari. Alle sanzioni amministrative, d’altro canto, in alcuni casi potrebbero pure sommarsi quelle penali, con tutte le conseguenze che ne derivano.

Considerando che la GDPR si applica a tutte le aziende che si rivolgano ad utenti dell’Unione Europea – a prescindere dalla sede della stessa società – per evitare di incorrere in qualunque problema e sanzione, è importantissimo scegliere di affidarsi unicamente a traduttori professionisti per far sì che tutti i contenuti e le informazioni relative alla nuova legge sulla protezione dei dati personali siano tradotti in modo accurato, permettendovi un adempimento impeccabile delle nuove norme.