Riciclaggio nell'UE - Chi detiene le quote più alte?

Riciclaggio nell'UE - Chi detiene le quote più alte

Il riciclaggio di materie prime già utilizzate non deve preservare solo le risorse, ma anche l'ambiente. Dopo l'uso, le materie plastiche, i materiali da costruzione, il vetro e altri materiali possono essere lavorati con vari processi tecnici e quindi reintrodotti nel ciclo. Il vetro viene trasformato in vetro nuovo, la plastica viene pressata e trasformata in granulati per nuovi contenitori o plastica stampata, e i materiali da costruzione spesso possono essere riutilizzati nella costruzione di strade o in altri modi significativi dopo la frantumazione meccanica. 

 

Tasso di riciclaggio del 65 % per l'intera Europa a partire dal 2035

Nell'UE esistono obiettivi chiari per il riciclaggio dei rifiuti urbani, vale a dire i rifiuti residui provenienti dai nuclei domestici. Entro il 2055, il 55% dei rifiuti residui deve essere riciclato. Alcuni paesi sono già al di sopra di questo obiettivo e, oltre all'Austria e alla Germania, anche gli sloveni non devono preoccuparsi della quota. A Malta, tuttavia, solo il 7% dei rifiuti urbani è attualmente riciclato e in Romania la quota è del 13%. Grecia e Cipro con il 17% sono già un passo avanti, tuttavia ancora lontani dai requisiti dell'UE.*

 

Una buona comunicazione supporta il processo di riciclaggio

Molti produttori acquistano materie prime e merci da tutto il mondo per realizzare i loro prodotti. Soprattutto nel campo della chimica e della scienza dei materiali, sono necessari traduttori qualificati per creare soluzioni armonizzate che facciano progredire il complesso tema del riciclaggio. Contattateci, saremo lieti di aiutarvi.

 

*Fonte: Statista