La traduzione dei termini e delle condizioni legali

La traduzione dei termini e delle condizioni legali
03.06.2015

Occuparsi di termini e condizioni legali non è certamente semplice, in particolare per chi è completamente digiuno di materie giuridiche e di lessico riguardante il settore del diritto. Un termine legale può essere una clausola o una condizione definita da un atto legale o dalla legge stessa.

Conoscere tutti i cavilli legali e prestare attenzione ad ogni dettaglio che si presenti in un documento di natura legale può risultare alquanto complicato per chi non sa parlare o comprendere il linguaggio forense. La difficoltà aumenta ulteriormente se si presenta la necessità di affrontare un atto notarile o qualsiasi altro documento legale ma redatto in una lingua diversa dalla propria.

Stendere un atto giuridico che preveda la specifica di termini e condizioni è un’operazione che richiede una particolare preparazione e familiarità con il linguaggio giuridico e le leggi in materia. Il linguaggio giuridico è assai complesso e richiede una buona conoscenza e utilizzo della lingua per poter essere compreso ed espresso in maniera corretta e secondo i dettami formali necessari. Un concetto giuridico può essere espresso attraverso l’utilizzo del nostro linguaggio ma non un qualsiasi, bensì un linguaggio formale, appropriato e consono. I termini e le condizioni di un atto legale devono essere espressi attraverso la lingua che, per utilizzare un termine proprio del padre della lingua italiana Dante, possa essere definito “aulico”.

Ancora maggiori competenze di proprietà di linguaggio vengono richieste se gli debbono essere stesi in un’altra lingua. Non è possibile confidare esclusivamente sulla fluente conoscenza della lingua straniera, bensì è necessaria una specifica esperienza nelle traduzioni in lingua attraverso il linguaggio settoriale. L’errore di traduzione è sempre in agguato poiché alcuni termini appartenenti alle lingue inglese e italiano, seppure siano simili tra loro, non corrispondono.

Il termine “transaction” in lingua inglese, ad esempio, non può semplicemente essere tradotto in italiano con “transazione”, poiché esso significa invece “accordo giuridico patrimoniale”; allo stesso modo, “contract” e “contratto” non hanno il medesimo significato. Per esprimere meglio il concetto potremmo utilizzare le affermazioni espresse in lingua inglese “Law is language” e “The transfer of legal knowledge is entrusted to written or spoken language”.

Al fine di tradurre correttamente documenti notarili, norme di controllo, perizie assicurative, regolamenti e normative, contratti di ogni genere che contengano qualsiasi forma di termini e condizioni, è necessario rivolgersi a chi detenga una specifica conoscenza ed esperienza di traduzioni formali e settoriali, con un’attenzione puntigliosa e precisa rivolta verso l’utilizzo della lingua e del linguaggio più appropriato.