I nostri consulenti sono a vostra disposizione dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 18:00.
Chiamata gratuita
Dall’estero: +39 02 7729 7588

 

Procedimento europeo per le controversie di modesta entità

13.04.2016

Il valore della controversia viene aumentato a 5.000 Euro

Qualora il valore di una controversia ammonti a non più di 2.000 Euro in controversie transfrontaliere in materia civile e commerciale, il procedimento europeo per controversie di modesta entità può essere applicato quando almeno una delle parti ha domicilio o residenza abituale in un paese dell’UE diverso da quello dell’organo giurisdizionale adito. La base giuridica è il regolamento (CE) n. 861/2007. Il procedimento è un'alternativa in aggiunta ai procedimenti nazionali esistenti degli Stati membri.

Intenzione del procedimento europeo è quello di facilitare la risoluzione delle controversie che rientrano nel campo di applicazione dei requisiti normativi e di accelerare e contribuire alla riduzione dei costi di tali procedimenti.

Tuttavia, in passato, il valore ridotto di 2.000 Euro ha comportato che molti potenziali attori non potevano utilizzare il procedimento semplificato. La Commissione Europea, oltre ad altre considerazioni, ha colto in particolare questo fatto come un'opportunità per modificare il regolamento (CE) n. 861/2007.

Con il regolamento (UE) 2015/2421 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2015, che modifica il regolamento (CE) n. 861/2007 introducendo un procedimento europeo per controversie di modesta entità e il regolamento (CE) n. 1896/2006, che istituisce un atto di citazione europeo, pubblicato il 24.12.2015 nella Gazzetta ufficiale dell’UE n. L 341, il valore della controversia sarà ora alzato a 5.000 Euro. Inoltre, il procedimento sarà ulteriormente semplificato (i dettagli del regolamento si possono evincere dal regolamento). Il nuovo regolamento si applicherà ai sensi dell'art. 3, par. 1 dal 14.7.2017 direttamente negli Stati membri (ad eccezione della Danimarca).

Fonte: EUR-Lex